Gli articoli fondamentali: Motore Schietti - Dottrina di Schietti - Movimento Schiettista - Denuncia per Genocidio. Scorri l'Home Page per tutti gli articoli.

Motore Schietti: la Spiegazione



Provo di nuovo a parlare del mio Motore che riesce a far risalire senza sforzo acqua fino ad oltre 150 metri di altezza e sfruttare la sua caduta per dare energia elettrica pulita a tutto il mondo. Sforzatevi di capire, salvate il link tra i preferiti, approfondite in tutto il sito, è in gioco il futuro del pianeta:




Il funzionamento è analogo alla Pompa di Ctesibio (o pompa a mano) solo che si aumenta la pressione dell'aria sulla superficie dell'acqua dentro una camera pressurizzata e l'acqua risale fino a 150 metri (non servirebbe aggiungere altro, però se volete approfondire proseguite pure).

(Fra le migliaia di Mi Piace e Condividi sul post mostrato a pagamento a 20 mila persone al giorno su Facebook ci sono centinaia di Ingegneri e Architetti. L'Ingegnere Filippi ha risposto varie volte a domande sul Motore Schietti dai microfoni di Radio Gamma 5. Per anni Repubblica e Corriere hanno citato il Motore Schietti nei commenti di articoli pertinenti. Oltre 50 gruppi Facebook pubblicano post del Motore Schietti fra cui molti di ingegneria, fisica e architettura).




La pompa di Ctesibio riesce a pompare acqua attratta dal vuoto senza sforzo fino 10,33 metri di altezza per via della pressione atmosferica che viene esercitata sulla superficie dell'acqua.



Torricelli dimostrò il suo funzionamento con il barometro (cerca pure su google o guarda i disegni delle spiegazioni cliccando per ingrandirli). Nella pompa di Ctesibio (o pompa a mano) l'acqua rimane in sospensione a 10 metri come il mercurio a 76 centimetri nel barometro di Torricelli per la pressione dell'aria sulla superficie dell'acqua. Il mercurio pesa 13 volte di più dell'acqua.

Con il trucco delle valvole che si aprono e si chiudono alternativamente, l'acqua viene estratta dalla pompa dall'altezza di 10 metri e non deve essere pompata ogni volta dalla base e quindi non si compie sforzo, bisogna solo muovere la pompa e la pressione atmosferica spinge sempre nuova acqua fino a 10 metri. Diversamente se con la corda e una carrucola si dovesse portare un secchio d'acqua fino a 10 metri di altezza, il terzo piano di una casa, si farebbe uno sforzo decine di volte maggiore. Si può studiare il fenomeno nelle cannucce delle bibite, l'acqua in sospensione nella cannuccia viene aspirata direttamente in bocca e non deve essere aspirata ogni volta dal bicchiere perché la pressione atmosferica sostituisce quella appena bevuta.

Non viene sfruttato questo metodo perché non bastano 10 metri per produrre tanta energia e non si riuscirebbe neanche ad azionare una pompa elettrica a ciclo continuo. In tanti hanno provato anche a mettere una turbina sotto al rubinetto di casa, ma l'acqua ci fa il solletico alle pale, sono dure, non si muovono. Ho speso migliaia di euro in turbine per provare ad azionarle da meno di 10 metri e non ci sono riuscito. Serve molta più acqua da un'altezza molto maggiore. Non vengono sfruttati nemmeno i fiumi quando ci sono sbalzi di pochi metri.

Però se si aumenta la pressione dell'aria sulla superficie dell'acqua di 4 volte tramite una camera pressurizzata a 4 Atmosfere, si riesce a far risalire l'acqua 4 volte di più fino a oltre 40 metri. Se si aumenta ulteriormente la pressione dell'aria dentro la camera iperbarica anche fino a 70, 100 o meglio 150 metri. La pompa impiega la stessa energia a 10 metri, a 40, a 100 e a 150 metri. A 150 metri si pompa acqua con lo stesso sforzo che a 10 metri e già a 10 metri non si compie quasi nessuno sforzo. Nessuno ci aveva pensato.

Una camera pressurizzata (comunemente detta camera iperbarica) è come una camera d'aria della bici, una volta raggiunta la pressione si mette un tappino e tiene la pressione senza consumare energia.



Guardate il disegno: va costruita una camera sigillata con dentro aria compressa a 15 atmosfere in cui istallare una piscina contenente acqua, quindi una conduttura immersa dentro come fosse una cannuccia delle bibite, poi una pompa di Ctesibio elettrica alla cima della conduttura per aspirare acqua a oltre 150 metri di altezza senza sforzo attratta dal vuoto e infine sfruttare la sua caduta dentro la piscina come in una centrale idroelettrica con delle turbine. Avviene tutto dentro la camera pressurizzata. Non è un autoclave come nelle case in cui l'acqua sgorga dai rubinetti per la differenza di pressione con la cisterna pressurizzata. L'acqua non viene tolta dalla camera pressurizzata aspirandola e non va reimmessa. Rimane sempre dentro.

E' facile da capire, se c'è 1 Atmosfera di pressione dell'aria sulla superficie dell'acqua, l'acqua risale di 10 metri attratta dal vuoto come si sa da oltre 2000 anni con la pompa di Ctesibio (o con le cannucce delle bibite in cui si aspira liquido pesante come se fosse aria, o con le siringhe delle iniezioni, o col barometro di Torricelli). Se invece facciamo 15 atmosfere dentro una camera pressurizzata risale senza problemi fino a 150 metri ed allora il Motore Schietti diventa abbastanza efficiente per produrre energia elettrica su ampia scala (se ci fossero perdita di carico per gli attriti dei tubi e a 15 atmosfere l'acqua risalisse fino a 120 metri, basta aumentare la pressione a 19-20 atmosfere. Anche la pompa di Ctesibio nella pratica aspira acqua fino a 9 metri circa).



Per produrre tanta energia a 50 metri serve il doppio dell'acqua che a 100 metri e il triplo che a 150 metri. Quindi il motore va costruito alto almeno 150 metri. Con una grossa pompa di Ctesibio elettrica è sicuramente possibile aspirare a 150 metri una decina di metri cubi di acqua al secondo senza sforzo (come se fosse a 1 metro). Con una torre dal costo poco superiore a 10 milioni, con la pompa di aspirazione e una condotta di caduta, si può produrre fino a 10 MW consumando massimo 1 MW con le pompe. Con impianti da 10-12 torri si potrebbe dare energia a 100 mila abitanti.

Per capire il vantaggio immaginate una bottiglietta d'acqua portata a 150 metri senza fatica (mezzo litro d'acqua con una sola pompata a mano invece di essere issato con una corda), e poi, lasciandola cadere ad accelerazione gravitazionale, l'urto contro il suolo. Per giunta ogni litro di acqua azionando le pale della turbina viene rallentato e quindi ha sopra di sè il peso di 150 metri di acqua nella condotta, almeno 100 tonnellate. Ogni litro passa ad alta velocità con la forza del peso di almeno 100 tonnellate. Teoricamente c'è una proporzione di almeno 1 a 150 fra l'energia consumata dalle pompe e quella che si ottiene nella turbina. Nella pratica ho calcolato delle pompe elettriche che consumino un 1/10 dell'energia prodotta.



Le turbine idroelettriche Francis hanno un rendimento fino al 94% rispetto all'energia potenziale, quindi l'energia cinetica si trasforma quasi tutta in energia elettrica. Per produrre 10 MW da 150 metri con una resa del 90% servono quasi 8 metri cubi di acqua al secondo. Le turbine Francis nella foto hanno potenza di 10 MW con salto di 108 metri. La portata d'acqua di questa turbina è di circa 11 m3/s. Notate come la condotta  a forma di chiocciola si rimpicciolisce per aumentare la pressione dell'acqua sulle pale della turbina. In alcune turbine Francis è ancora più evidente.



La riduzione della dimensione dell'iniettore dell'acqua si può notare meglio nelle turbine Pelton. Condotte anche di 2-3 metri di diametro hanno ugelli di pochi centimetri da cui l'acqua esce con altissima pressione a vari metri cubi al secondo. L'acqua scorre senza attriti nella condotta larga e poi esce al massimo della potenza dagli ugelli. La portata d'acqua della turbina nella foto è di circa 10 m3/s con un balzo di 240 metri ed una potenza di 19 MW. La resa di una turbina Pelton è di circa l'88%. Vengono utilizzate soprattutto per balzi considerevoli anche di 1000 metri.



Si può vedere bene nell'animazione la dimensione degli ugelli. Quando la punta arretra esce l'acqua dai fori.



Per portare l'acqua a 150 metri e sfruttare la sua caduta vanno realizzate delle pompe di Ctesibio molto grandi per permettere all'acqua di scorrere bene dalle valvole e dal foro di uscita. La dimensione della pompa deve essere minimo alcune decine di volte quella complessiva degli ugelli delle turbine Pelton. Deve essere maggiore anche alle condotte di caduta di almeno 2-3 volte. Più grande si riesce a farla meglio è, l'acqua scorre meglio, però senza esagerare.



Quindi va fatta una pompa particolare di circa 3 metri diametro con un grande foro da cui l'acqua sgorghi a 360 gradi senza intralci. Meglio di due sole valvole di 3 metri dovrebbe essere farne tante di pochi centimetri in modo che si aprano e chiudano bene. L'escursione dello stantuffo per ogni pompata, il movimento su e giù della pompa, secondo me deve essere di circa 40-50 cm 2 volte al secondo. Se una pompa sola di 3 metri di diametro risultasse troppo grande o pompasse poca acqua, se ne possono realizzare 4 di 2 metri di diametro, volendo con ritmo anche di 3-4 pompate al secondo. Un motore elettrico ha un'efficienza del 90%. Vanno fatte prove, ma teoricamente si dovrebbe riuscire. Per ogni 10 MW prodotti secondo i miei calcoli si consumerebbe circa 1 MW per le pompe, ma sono stato largo, ho messo 1/10 non 1/150 dell'energia prodotta. Però anche fossero 2 MW rimarrebbe ancora tantissima energia. Calcoli precisi possono essere fatti solo dopo esperimenti. Per dare un'idea la potenza di 1 MW è quella del motore di un treno TGV da 300 km/h. Le pompe sono molto grosse e pesano varie tonnellate, ma non dobbiamo spostarle. Possono essere fatte in titanio che pesa la metà dell'acciaio, o in lega leggera e carbonio.

A 190-200 metri con 24-25 atmosfere, servirebbe meno acqua per produrre quasi 10 MW, massimo 6 m3/s e tutto si faciliterebbe, le pompe sarebbero più piccole, anche le condotte e così il bacino di raccolta dell'acqua. Si può tentare di portare 8m3/s anche a 200 metri e produrre 13 MW. Non credo sia possibile oltre i 200 metri, però va provato.

Servono anche due camere iperbariche leggere in gomma come la camera d'aria di una bici (di solito viene pompata a 8 atmosfere), al limite ricoperte di fibra di carbonio, una sopra e una sotto collegate dalle condotte a tenuta stagna. Va tenuta in pressione anche la parte superiore se no l'acqua non rientra nella parte inferiore e risalirebbe aria. Quella sopra va fatta aderente ai macchinari per ridurre il volume e il peso dell'aria compressa. Il peso di 1 metro cubo di aria a 20 atmosfere è circa 25 chili. Si possono mettere sacchi di polistirolo per occupare gli spazi vuoti e ridurre il peso, però al massimo di 5-10 tonnellate, non 100. In caso di manutenzione la camera iperbarica va aperta e poi rimessa in pressione o semplicemente gli va ridotta la pressione.

Per essere più precisi vanno fatti esperimenti. Quasi sicuramente a 150 metri arriviamo con 19-20 atmosfere. Si potrebbe tentare di arrivare a 190-200 metri con 24-25 atmosfere, massimo 30.  In questa fase sono inutili lunghe discussioni del tipo se la pompa debba essere di 2 o 3 metri di diametro, se l'aria debba essere 19 o 24 atmosfere, se l'altezza debba essere 150 o 200 metri. Teoricamente è possibile, nella pratica bisogna provarlo per ottenere la massima efficienza al minore costo di costruzione. Magari si riesce anche a 210 metri. Magari la forma della pompa non deve essere rotonda, ma rettangolare di lunghezza 7 metri e larghezza 20 cm. Magari aggiungendo abbondante sale di mare all'acqua portando il suo peso specifico ad 1,25 come l'acqua del Mar Morto, si può ridurre del 20% l'altezza del motore e la dimensione della pompa.



Per fare delle comparazioni una turbina eolica da 10 MW è alta circa 160 metri, però funziona solo quando c'è vento, il Motore Schietti 24 ore su 24. Una centrale solare da 100 MW occupa circa 1 Km2 e produce energia poche ore al giorno. In 1 km2 si possono mettere 100 Motore Schietti da 10 MW. Nella foto ho quadruplicato la torre Telecom di Rozzano (Mi) alta 187 metri a cui ho tolto la cima di 30 metri con le antenne, sicuramente più costosa rispetto alla nostra, ma rende l'idea della dimensione. In molti luoghi ci saranno almeno 10-20 torri una vicina all'altra e quindi si possono pensare anche delle travi di sostegno che le colleghino in modo da rinforzarle. Rispetto alla fotocomposizione si possono immaginare altre due file di 4 torri dietro. Comunque gli architetti si sbizzarriranno e le popolazioni con un referendum sceglieranno il progetto più gradito per il loro territorio. I comuni sui quali verranno installate grandi strutture per rifornire le metropoli avranno sconti sull'energia e sovvenzioni al comune per servizi, scuole ed ospedali.

Un grattacielo civile di 150 metri costa circa 150 milioni, un Motore Schietti credo massimo 15-20 milioni. Una struttura da 12 torri per 120 MW complessivi massimo 200 milioni. Al costo attuale dell'energia elettrica un Motore Schietti da 10 MW ne produrrebbe circa 20 milioni all'anno, una struttura da 12 torri per un totale di 120 MW circa 240 milioni e quindi il costo al consumatore potrebbe dimezzare o ancora meno.



Il Motore Schietti conviene, c'è lavoro utile per produrre energia elettrica risolvendo problemi come effetto serra e povertà, rendendo possibile produrre acqua condensata, desalinizzata o riciclata, oppure idrogeno per autovetture con l'elettrolisi dall'acqua, o alimentare auto elettriche con batterie al grafene, o scaldare le case con pompe di calore elettriche.



Se volete avere la prova scientifica che aumentando la pressione atmosferica l'acqua risalga oltre i 10 metri dovete provare ad andare con un barometro di Torricelli dentro una camera iperbarica di un centro medico specializzato. Il mercurio a pressione normale rimane in sospensione a 76 cm perché è 13 volte più pesante dell'acqua. Dentro la camera iperbarica se si regola la pressione a 2,5 atmosfere rimane in sospensione a 190 centimetri. Se prendete una cannuccia delle bibite funziona benissimo anche a pressione 2,5. Funziona benissimo anche una pompa di Ctesibio: l'acqua invece di risalire fino a 10 metri con pressione 2,5 risale fino a 25 metri. La pressione maggiore non impedisce il funzionamento. Con 15 atmosfere l'acqua risale di 150 metri.

I movimenti dentro ad una camera iperbarica incontrano una resistenza leggermente superiore essendoci aria compressa, ma ci si muove senza problemi. Se la lanciate in alto una boccia cade a terra accelerata dalla gravità. Cade anche l'acqua nella condotta che porta alla turbina del Motore Schietti, dato che in più ha sopra il peso della colonna di 150 metri di acqua. Più c'è peso, minore è la resistenza dell'aria, come quando si lascia cadere una piuma o un sasso, la piuma svolazza, il sasso cade. Un sasso va a fondo anche nel mare per via del peso specifico maggiore. La colonna d'acqua alta 150 metri, dal peso di almeno 100 tonnellate, prima aziona la turbina e poi rientra nella piscina dell'acqua da dove viene aspirata nuovamente a 150 metri di altezza. La pressione dell'aria non impedisce all'acqua di sgorgare dalla pompa. La pressione a 15 atmosfere non è tanto, l'aria oppone resistenza, ma non tantissimo. Se ci si riesce a muovere nell'acqua che è un liquido figurarsi nell'aria anche se è un po' compressa. Nelle bombole da sub l'aria è pressata a 300 atmosfere, pesano, ma 15 kg è il peso dell'acciaio mentre la nostra camera iperbarica è fatta in gomma. L'aria pesa 1,29 grammi al litro. Un litro d'aria a 15 atmosfere pesa 19 grammi, mentre un  litro d'acqua pesa 1 kg, non ci sono problemi di alcun tipo anche se dovessimo aumentare la pressione a 19-20 atmosfere. Si potrebbe trattare di una resa minore della turbina del 2%. Non credo ci siano problemi nemmeno a 30 atmosfere. Io per sicurezza ho fatto calcoli con perdite del 4%. Le turbine Francis hanno un rendimento fino al 94%, ma io calcolo il 90%. La percentuale non è maggiore per lo stesso principio che un auto nella scia di un'altra incontra meno resistenza dell'aria. L'acqua nella condotta e nell'uscita della turbina segue l'acqua precedente che ha già spostato l'aria e quindi la maggiore pressione dell'aria è quasi ininfluente. La prova che sia così viene data dalle stesse turbine Francis a pressione ambiente che hanno una resa quasi del 94% per attriti dei tubi, resistenze meccaniche ed efficienza dell'alternatore, ma non per problemi di resistenza dell'aria e quindi non perdono il 30-40% come un auto ad alta velocità. Un'altra prova è l'elica dei motori dei motoscafi che gira vorticosamente nonostante l'acqua sia molto più densa dell'aria a 15-20 atmosfere e quindi la pompa e la turbina non hanno nessuna difficoltà a spostare l'aria e raggiungere velocità elevate.




Non serve fare modellini in miniatura del Motore Schietti per mostrare il funzionamento. I prototipi sono le cannucce delle bibite, le siringhe delle iniezioni, il Barometro di Torricelli e la Pompa di Ctesibio. Per capire che l'acqua rimane attratta dal vuoto dovete prendere una siringa delle iniezioni e potete vedere l'acqua che rimane attaccata allo stantuffo (il vuoto) mentre aspirate senza fatica senza sentire il peso dell'acqua. Con la siringa potete fare tanti esperimenti. Se la tenete tappata ed aspirate, fate fatica e si crea il vuoto. Se aspirate aria fate la stessa fatica di aspirare acqua. Nella cannuccia delle bibite vedete l'acqua che rimane attaccata all'aria che aspirate, avviene fino a 10 metri di altezza come nella pompa di Ctesibio, poi se aspirate ancora oltre i 10 metri l'acqua non risale più e si forma il vuoto. Senza la pressione atmosferica non riuscireste a farla risalire neanche di un millimetro. Se con due dita premete sulla cannuccia l'acqua rimane in sospensione come nel barometro di Torricelli. Nella cannuccia in particolare si vede bene che vi ritrovate l'acqua già in bocca aspirando quella in sospensione e non dovete aspirarla ogni volta dal bicchiere perché viene sostituita sempre da nuova acqua spinta dalla pressione atmosferica. Aumentando la pressione a 4 atmosfere l'acqua risale fino a 40 metri, e a 15 atmosfere fino 150 metri. Al limite a causa di perdite di carico va aumentata ulteriormente la pressione.



Nessun ingegnere può negare il Motore Schietti a Camera Pressurizzata perché ha giurato sui Principi della Scienza comprovati come il funzionamento della Pompa di Ctesibio, del Barometro di Torricelli, delle siringhe e delle cannucce delle bibite, e potrebbe finire in galera come un medico che desse apposta una diagnosi sbagliata.

Il Motore Schietti è un moto perpetuo, ma non produce energia dal nulla contraddicendo i principi della termodinamica: sfrutta semplicemente la forza di gravità tramite il trucco scoperto da Ctesibio che ho migliorato aumentando la pressione atmosferica dentro la camera pressurizzata sigillata. La pompa di Ctesibio e il Motore Schietti violano il campo conservativo dell'energia gravitazionale, ma è risaputo da millenni, non è impossibile. Anche con con un salto, con l'evaporazione o i tubi capillari si vince la forza di gravità, bisogna applicare una forza che nel Motore Schietti è la pressione dell'aria sulla superficie dell'acqua. Gli atomi e le molecole d'aria si muovono in continuazione e più sono concentrati più si muovono generando la pressione.

Siamo nel 2017 e in base alle mie ricerche non sono emersi altri metodi dimostrabili scientificamente in internet per produrre energia pulita ovunque 24 ore su 24 in grandi quantità e quindi bisogna far conoscere a tutti questo metodo, poi se ce ne fossero altri occultati verranno svelati piuttosto di costruire ovunque torri di 150 metri.

Domenico Schietti
https://domenico-schietti.blogspot.it

SCHEDA TECNICA MOTORE SCHIETTI 150 METRI
Portata d'acqua 8 m3/s
Potenza: 10,5 MW
Consumo pompe: 1 MW
Potenza effettiva: 9,5 MW (19.000 abitanti al consumo medio attuale)
Ricavo Annuo: 20 milioni di Euro al prezzo attuale dell'energia
Spese annue: 1 milione di euro
Costo costruzione: 15 milioni di euro

SCHEDA TECNICA MOTORE SCHIETTI 200 METRI
Portata d'acqua 8 m3/s
Potenza: 14,1 MW
Consumo pompe: 1 MW
Potenza effettiva: 13,1 MW (26.200 abitanti al consumo medio attuale)
Ricavo Annuo: 28 milioni di Euro al prezzo attuale dell'energia
Spese annue: 1,2 milione di euro
Costo costruzione: 28 milioni di euro

Se si utilizzeranno pompe di calore elettriche per riscaldamento, piastre di cottura elettriche, auto ad idrogeno ed elettriche, una torre fornirà meno abitanti.

Proseguite è importante per capire meglio:




- C'è un complotto globale per usare petrolio, gas, carbone e nucleare e quindi non raccolgo fondi per costruire il mio motore, servirebbero decine di milioni, sono strutture enormi che vanno costruite dalle compagnie elettriche in accordo con le popolazioni. Scrivo tutti i giorni a tutti i governi del mondo e potete anche voi fare la stessa cosa per questo ho fondato il Movimento Schiettista ed ho fatto una Denuncia per Genocidio da Smog ed Effetto Serra a Polizia e Carabinieri



- con l'innalzamento dei mari fra pochi anni, massimo nel 2025, il mercato immobiliare delle zone litoranee crollerà perché tutti vorranno vendere e nessuno comperare. Sarà l'inizio del crollo dell'economia, serve il Motore Schietti



- Chi vuole può aiutarmi a pagare le pubblicità su Facebook del Motore Schietti scrivendomi a skydom3@gmail.com o al mio profilo Facebook Domenico Schietti. Se volete pagare direttamente i dati delle mie carte di credito sono ( Domenico Schietti IBAN IT60G0307502200CC8500224775 ) oppure (Postepay 4023 6009 2053 1748 Domenico Schietti SCHDNC65L14F205J ). L'annuncio viene mostrato su Facebook 20 mila volte al giorno e si spera di arrivare a 30-40 mila volte. Tutte le donazioni verranno registrate e nel caso sfondassimo verrà restituita una cifra 10-100 volte maggiore, come con i primi che finanziarono Facebook. Potete trovare la mia biografia nella versione web sul fianco destro del blog. Potete iscrivervi alla pagina Facebook del Motore Schietti.

- A questo link la mia Dottrina che invio a tutti i governi del mondo insieme alle spiegazioni del mio Motore. Se l'ONU aderisse alla mia Dottrina potrei donargli il brevetto del Motore Schietti per Unicef, FAO, UNEP, UHNCR, OMS creando una tassa internazionale permanente sulla produzione di energia da versare all'ONU.

- col Motore Schietti si dimezzerebbe il costo dell'energia, non ci sarebbe debito estero per comprare gas e petrolio all'estero, le produzioni non andrebbero nei paesi che utilizzano carbone per abbassare il prezzo dell'energia, non ci sarebbero decine di milioni di profughi climatici dal Sahel in Africa che sta desertificando.

- se andate in home page potete trovare alcune decine di miei articoli esclusivi con le mie campagne internazionali, le mie ricerche, le mie invenzioni come:

Smog ed Effetto Serra: denuncia a Polizia e Carabinieri per genocidio. Bisogna usare il Motore Schietti e l'auto ad idrogeno

La domanda più frequente sul Motore Schietti: perchè non fai un prototipo? Un prototipo per tutti!

Innalzamento dei mari e crollo del mercato immobiliare nelle zone litoranee - Serve il Motore Schietti

Auto ad Idrogeno di Schietti con 16 Serbatoi da 1 Litro - Nessun Rischio di Esplosione

La Serpentina di Schietti - 2500 litri di acqua potabile di condensa al giorno

La Centrale Geotermica di Schietti con Motore Stirling senza falde di acqua calda

Lavatrice e Lavastoviglie di Schietti ad Acqua ozonizzata senza Detersivi inquinanti e Acqua calda

Stop Pesticidi - Con l'Acqua Ozonizzata tutti i Cibi Bio - Rivoluzione in Agricoltura

Alzheimer trovata la cura preventiva: Acido Folico e Vitamina B12

Incendi Boschivi: Mini-Elicottero-Drone di Schietti con Idrante a Pioggia, 2 Eliche, Facilmente Ricaricabile

Effetto Serra: alcuni articoli di Schietti su Innalzamento mari, Desertificazione, Riserve di petrolio, Cicloni, Albedo, Permafrost, Invasione insetti

Le Proposte di Schietti contro la Deforestazione

I metodi più economici per stivare anidride carbonica e salvare il mondo dall'effetto serra

Divieto di caccia - Divieto di pallini al piombo - Milioni di avvelenamenti all'anno

Fame nel mondo: i metodi di Schietti per produrre cibo e acqua in abbondanza